Page is loading, just a sec...

UNA NUOVA PROFESSIONE

NOI LEONARDO

Tutti abbiamo cominciato così: la ricerca del lavoro, i primi passi insieme a Leonardo Assicurazioni, le emozioni, le scelte, il primo colloquio, l'inserimento nel team, i dubbi, le decisioni, il percorso professionale, le nuove prospettive.
Noi Leonardo è un progetto di comunicazione per raccontare le nostre storie, per parlare della nostra azienda a chi vuole iniziare oggi il suo percorso con Leonardo Assicurazioni. Tutte le aziende sono fatte di persone ma la nostra, in modo particolare, ha sempre puntato sulla crescita e la realizzazione professionale dei propri collaboratori. 
Noi Leonardo perché Leonardo Assicurazioni siamo noi. 

Marco Bianchi
Responsabile Progetto Milano Risparmio e Deducibilità e Risparmio

Marco è entrato in Azienda nell’ottobre del 2005 e oggi è Responsabile dei Progetti Milano Risparmio e Deducibilità e Risparmio. “Fin dal primo colloquio ho avuto la sensazione – che poi si è trasformata in certezza – di entrare in una grande Azienda. Era molto importante per me superare i tre colloqui che prevede il percorso di selezione in Leonardo, perché ero fermamente convinto di voler fare questo lavoro, quindi quando mi sono ritrovato in aula per la prima formazione è stata per me una grande soddisfazione: ero stato scelto non solo tra tanti altri candidati ma anche da un team di selezione molto specializzato e dedicato che cercava non figure generiche ma professionisti ben definiti. La stessa professionalità e specializzazione vissuta durante le fasi di selezione l’ho poi ritrovata in aula durante tutto il periodo di formazione. C’era una continuità nella trasmissione di valori e intenti che ancor oggi, a oltre dieci anni di distanza, reputo fondamentale. Il Progetto di selezione e formazione Professione Milano è per me ancor oggi un punto di riferimento con cui mi confronto regolarmente, con uno scambio continuo di feedback che penso siano molto utili da entrambe le parti per assicurare quella continuità tra quello che viene presentato nel primo colloquio, quello che si ritrova in aula e infine nello svolgimento dell’attività lavorativa vera e propria. L’ho vissuto io in prima persona e vorrei che tutti i nuovi inseriti lo potessero ritrovare. Per questo credo che Professione Milano sia il progetto più importante e strategico della nostra Azienda, la genesi di tutto. Ci fornisce i futuri professionisti su cui lavorare: poi sta a noi Manager saperli coltivare, facendo emergere le potenzialità migliori per farli crescere. Negli anni ho potuto assistere ad un miglioramento continuo nella qualità degli inserimenti di nuovi collaboratori, che è sicuramente frutto anche di un’impostazione aziendale che è cambiata, a partire dall’immagine e dalla comunicazione. Credo che il nostro ruolo come Manager sia anche quello di saper tradurre in pratica quanto presentato “sulla carta” durante il primo approccio con l’Azienda. È una grande responsabilità: dimostrare che ciò che affermiamo è realmente così. Coerenza e continuità sono parole chiave. È anche per questo che ritengo importante il confronto anche fra noi Manager, per riuscire a trasmettere continuità e coerenza ai nostri team, senza trascurare ovviamente le caratteristiche, i pregi e le potenzialità di ciascun collaboratore. Ascoltare i consigli degli altri, seguire gli esempi positivi, confrontarsi è importantissimo, a tutti i livelli, perché la nostra è un’Azienda fatta di persone e quindi di rapporti umani”.


Claudia Brambilla e Paola Bruzzi
Responsabili Progetto Professione Milano

Paola e Claudia sono le Responsabili del team di selezione e formazione di Leonardo, hanno visto crescere il Progetto Professione Milano ed evolversi fino a diventare oggi il Progetto capostipite di tutti gli altri. “Ci piace pensare – spiega Claudia –che Professione Milano dia origine a tutti gli altri progetti che vivono in azienda, alimentandoli ogni giorno con una selezione di nuovi e futuri Professionisti. Il Progetto è nato e si è sviluppato insieme al modello Leonardo con l’obiettivo di trasferire all’esterno l’unicità della nostra Azienda, i suoi valori fondanti, il concetto di una nuova Professione. Nulla a che vedere, quindi, con la vecchia concezione di Ufficio del Personale, ma un nuovo modello di selezione delle risorse umane – fulcro della nostra Azienda – con obiettivi e finalità molto specifiche e caratteristiche particolari. Il nostro approccio differente parte già da quando concepiamo un nuovo annuncio di ricerca di candidature da pubblicare ad esempio su un portale: non si tratta infatti di un semplice e generico annuncio ma di una ricerca di figure specializzate accompagnata da una presentazione dell’Azienda, un company profile, video, immagini delle nostre sedi, collegamenti ai siti… Grazie ai nuovi strumenti e alle campagne di comunicazione che Leonardo Assicurazioni ha messo in atto, il candidato, se lo vuole, ha la possibilità di conoscere la nostra realtà aziendale e di coglierne già alcune caratteristiche che la distinguono dalle altre. Un approccio di questo tipo è già un modo per impattare su un certo tipo di candidato attento a cogliere le potenzialità di una comunicazione diversa dalle altre”. Prosegue Paola:” Questo approccio si ritrova poi nei tre colloqui che il candidato deve affrontare per entrare in Azienda, durante i quali oltre a selezionare semplicemente delle persone, puntiamo a trasmettere loro, nel modo più chiaro e trasparente possibile, tutti i nostri valori chiave: da cosa significa essere Professionisti assicurativi in Leonardo, a quali strumenti digitali e innovativi l’Azienda mette a disposizione dei collaboratori, dall’attenzione alle risorse umane e alla formazione alla crescita economica e meritocratica. Il percorso prosegue con 8 giorni di formazione in aula seguiti da un corso di 20 giorni tecnico-teorico e pratico. Il nostro obiettivo oggi è quello di continuare a crescere come Progetto, innalzando ulteriormente la qualità delle risorse umane inserite in Azienda e puntando sempre di più sulla multispecializzazione che ci consente di selezionare e di valorizzare Professionisti sempre più specializzati”.

Patrizio Capoluongo
Area Manager Progetto Oggi per domani  


Patrizio è in azienda dall’ottobre del 2009, dopo un’esperienza lavorativa in un fondo di investimento. Ha iniziato, come tutti, come consulente dopo aver superato i tre colloqui con la selezione del personale e aver seguito il corso di formazione previsto per ogni nuovo collaboratore. Oggi è Area Manager e segue una Area composta da 25 persone. “In questi anni ho potuto assistere ad una crescita dell’Azienda, con una propensione all’innovazione e uno sguardo al futuro difficile da trovare altrove, soprattutto in un contesto economico difficile come quello che stiamo vivendo in questi anni. E credo che un grande merito nell’espansione della nostra rete commerciale lo si debba proprio a Professione Milano, il Progetto di selezione e formazione che negli ultimi anni ha fatto notevoli passi avanti. È un Progetto che ci contraddistingue dalle altre aziende e si differenzia dai “classici” uffici del personale: ciò che caratterizza il Progetto è infatti l’attenzione alla specializzazione e alla ricerca di profili ben definiti, che dà all’Azienda un grande vantaggio competitivo in termini di risorse umane. E aiuta anche noi Manager nella nostra attività quotidiana, perché sappiamo di poter “contare” fin dall’inizio su nuovi collaboratori di qualità selezionati ad hoc. Peraltro il lavoro della selezione non finisce con l’inserimento della risorsa in Azienda, perché anche dopo la fine del corso di formazione ci sono dei momenti di follow-up ossia dei confronti con il team di selezione per verificare, in itinere, il percorso di un nuovo collaboratore, seguirne i miglioramenti e i passi avanti. E sempre nell’ottica di dedicare alle persone un’attenzione particolare, è stato da poco lanciato un nuovo Progetto Professional finalizzato a offrire ai neo inseriti un ulteriore periodo di formazione comune di due mesi sul campo prima di essere suddivisi e inseriti ufficialmente nei diversi team di lavoro. La qualità delle persone inserite negli anni è andata sempre più crescendo e credo che anche questo sia un segnale forte della volontà di Leonardo Assicurazioni di proiettarsi verso il futuro in un processo di miglioramento globale continuo”.


Elena Brambilla
Area Manager Progetto Controllo Qualità

Elena ha iniziato in Leonardo con il classico percorso di selezione e formazione e per oltre 5 anni ha lavorato come consulente, fino a quando ha deciso che voleva misurarsi, sempre all’interno dell’Azienda, con un ruolo diverso: è entrata così nell’area di assistenza alla clientela e oggi si occupa del Progetto Controllo Qualità. “Leonardo Assicurazioni, attraverso il Progetto Professione Milano, ha saputo valorizzare la mia professionalità, dandomi la possibilità di assumere un ruolo e delle responsabilità solo nel momento in cui ero pronta a farlo e affidandomi un neonato Progetto, quello del Controllo Qualità, al momento giusto anche per me. Mi ha dato fiducia e la possibilità di scegliere come e quando crescere e trovare la mia strada e oggi, a sei anni di distanza da quando ho iniziato in quest’area, non tornerei mai indietro. Il Progetto a cui lavoro è infatti un progetto importante di supporto a tutta l’attività dell’Azienda e che la contraddistingue da tutte le altre realtà assicurative. Altrove, infatti, si trova un’Assistenza amministrativa per i clienti o, al limite, commerciale ma non certo il front office che siamo in grado di offrire noi: un’assistenza alla clientela di qualità, con una struttura articolata che, oltre a me, può contare su un Manager che si occupa dei sinistri, due team con quattro Manager ciascuno, e un Manager responsabile delle liquidazioni. Una squadra di persone che segue i clienti in ogni loro necessità, dal momento in cui una persona firma una polizza con un nostro consulente. Da quel momento il nostro compito è di confermare, costantemente, le aspettative che il cliente ha avuto in tutte le fasi precedenti, dai primi contatti all’acquisto di un nostro prodotto. Il nostro è un lavoro di post vendita, molto delicato e fondamentale: si tratta di mantenere un cliente, in modo che sia sempre soddisfatto, abbia fiducia nella nostra Azienda, trovi risposte alle sue domande. Ma anche gestire situazioni difficili, risolvere eventuali problematiche e gestire le liquidazioni. Ogni cliente va seguito attentamente, ma se lavoriamo bene i risultati si vedono: i clienti soddisfatti restano fedeli, tornano, ti richiamano, chiedono consigli, si ricordano di te. E questa è una grande soddisfazione a livello non solo professionale ma anche personale”.


Marco Bertani
Responsabile Progetti destinati alla Tutela (Non si sa mai, Milano Impresa e Risposta Clienti Auto)

Marco è entrato in azienda nel 2005 e oggi è Responsabile dei progetti che riguardano l’area delle tutele: alla persona con il Progetto Non si sa mai, alle piccole e medie imprese con il Progetto Milano Impresa e infine del Progetto Risposta Clienti Auto. Sul Progetto Professione Milano non ha dubbi: “È sicuramente grazie a questo Progetto se oggi sono qui, e come me, tutti i miei collaboratori. Le persone che lavorano a questo Progetto, infatti, sono state capaci, in questi anni, di costruire la struttura della rete commerciale che oggi caratterizza e distingue la nostra Azienda. Non solo. Hanno avuto la capacità, e la bravura, di vedere nelle persone che oggi lavorano in Leonardo qualcosa che loro stesse non erano in grado di vedere, e hanno saputo far vivere loro una prospettiva professionale, un sogno. Oggi, a distanza di oltre 10 anni, lo scenario economico e anche la nostra Azienda – con la fusione nel gruppo Generali – sono cambiati e questo ha reso anche il lavoro del team del Progetto più complesso nel dover da un lato trasmettere ai candidati l’unicità di Leonardo Assicurazioni rispetto alle altre realtà assicurative e dall’altro nel far vivere e sognare una prospettiva professionale in un momento difficile come quello che sta vivendo il mercato del lavoro. Anche il concetto di multispecializzazione, una delle parole chiave della nostra Azienda e del percorso di selezione, se da un lato può aiutare a far nascere fin da subito una grande identificazione del candidato con il suo ruolo professionale, dall’altro può non essere facile da far immaginare a una persona alla sua prima esperienza lavorativa che magari già fatica a capire quale sia la figura dell’intermediario assicurativo generico, figuriamoci del Professionista specializzato che intendiamo noi. Di fronte a tutte queste sfide e al processo di evoluzione che sta affrontando, credo che il team di Professione Milano stia facendo un bellissimo lavoro e stia dimostrando grande capacità di adattamento in tempi brevissimi. I progressi sono notevoli: negli ultimi mesi ho visto crescere la qualità e la quantità dei nuovi inseriti, in linea con le aspettative del tipo di aula che io, da formatore, volevo avere davanti. Merito anche del ritrovato dialogo e della collaborazione con i Responsabili dei Progetti che sta facilitando il lavoro da entrambe le parti”.


Intervista a Gisela Montes  
Responsabile del Progetto Multietnico


Gisela ha iniziato la sua carriera in Leonardo nel 1997 e oggi è Responsabile del Progetto Multietnico, seleziona e forma quotidianamente profili stranieri da inserire in Azienda e gestisce una struttura con un ampio portafoglio di clienti stranieri, provenienti per lo più da comunità di lingua ispanica.“Con quest’Azienda è stato amore a prima vista” racconta entusiasta Gisela. “Nel ‘97 ero appena arrivata in Italia dal Venezuela, con un bagaglio professionale nel mondo assicurativo molto ampio, dal momento che avevo fatto già diverse esperienze nel settore, a Miami e a Madrid e che ero cresciuta in una famiglia in cui tutti erano assicuratori: mamma, papà, nonni, fratelli e sorelle. Mi ero informata su quali fossero le realtà assicurative principali e più importanti a cui presentarmi ma dopo il colloquio in Leonardo non ho voluto cercare altrove, l’approccio era stato talmente positivo da conquistarmi immediatamente. Il primo impatto con le persone, prima ancora che con l’Azienda, era stato decisivo”. Gisela inizia come tutti, facendo la consulente e misurandosi con la ricerca telefonica di nuovi clienti, in italiano, un’attività nella quale ottiene subito i primi successi: “Avevo molta voglia di fare e di raggiungere gli obiettivi e a breve se ne sono accorti tutti, persino i clienti, così, passo dopo passo, sono cresciuta. Molto spesso, purtroppo, gli stranieri che arrivano nel nostro Paese devono accettare lavori umili o comunque non adeguati ai loro studi e alla loro preparazione perché non viene riconosciuto il loro background. Leonardo, invece, ha saputo dare valore al mio percorso e alla mia esperienza, e soprattutto ha avuto fiducia in me come persona. I miei primi clienti sono state le Ambasciate e i Consolati dei Paesi di lingua ispanica e latino-americana e sempre loro sono stati il primo canale attraverso il quale ricevere curricula di potenziali collaboratori, canale ancor oggi molto valido per la selezione di nuove figure professionali”.

Intervista a Jaime Gonzalez
Junior Manager del progetto Multietnico

Jaime è colombiano, lavora da 8 anni in Leonardo Assicurazioni come Manager all’interno del Progetto Multietnico. Ha iniziato in Azienda dopo una precedente esperienza lavorativa in tutt’altro settore. Anche per Jaime il primo approccio è stato molto positivo e determinante, ha incontrato subito un ambiente accogliente e persone disponibili che lo hanno aiutato e supportato. Niente meglio delle sue parole può spiegare l’importanza, l’unicità e il valore di questa realtà: "Con il Progetto Multietnico, Leonardo dà la possibilità ad una persona straniera in Italia di essere qualcuno nel settore assicurativo. Il lavoro del nostro team non è semplicemente un mestiere, una professione, è qualcosa di più, abbiamo una sorta di ruolo sociale. Con la nostra attività, infatti, lavoriamo per creare una cultura per gli stranieri, diventiamo un punto di riferimento per proteggere il loro futuro e la loro quotidianità. Diamo un esempio positivo del fatto che si può vivere in modo migliore. Chi entra in Azienda riceve una formazione di alto livello, poi c’è l’esperienza sul campo, con l’attività quotidiana. Si cresce e si diventa dei professionisti. Ma bisogna crederci, impegnarsi a fondo e ascoltare i consigli di chi ci è già passato. E parlo per esperienza personale: questo lavoro ha tirato fuori delle doti e una professionalità che neanch’io credevo di avere."